Le violon et la guitare:il corpo della donna in sintesi.


Raffronto sincretico sul corpo femminile a forma di violoncello o semmai sul violoncello a forma di corpo femminile.

idolo cicladico a forma di violino e violino

un idolo cicladico a forma di violino e un violino

idoli cicladici a forma di violino

idoli cicladici a forma di violino

Bellissima nell’arte cicladica la sintesi del corpo femminile ridotto a tronco privo degli arti e della testa. La sintesi estrema dell’essere femminino. Tutti abbiamo gli arti, tutti abbiamo la testa, ma uomini e donne si differenziano nella struttura sul tronco: organi riproduttori e mammelle.

idolo a violino scultura cicladica

idolo a violino scultura cicladica

Corpo rotondo, con o senza seno, collo lungo senza testa, privo di gambe e braccia: ecco le dee della fecondità preistoriche.

idolo cicladico a forma di violino

idolo cicladico a forma di violino

Non ci sono etiche o morali, è la descrizione fisica del corpo, senza veli e pudori. La figura maschile è tradizionalmente falliforme, quella femminile è più rotonda, morbida, sinuosa. Nell’arte cicladica, e non solo, la forma è molto simile ad un violino.

Goulandris Foundation - Museum of Cycladic Art.

Idolo a forma di violino, Goulandris Foundation – Museum of Cycladic Art.

Nelle culture preistoriche gli idoli femminili sono veramente molto frequenti e le dee della fecondità altrettanto. Il senso di continuazione della specie era molto più forte e più importante in quelle culture, tanto da rappresentare senza vergogna in maniera stilizzata il sesso femminile.

idolo cicladico a forma di violino

idolo cicladico a forma di violino

A volte le braccia ci sono, solo accennate, conserte sul ventre, come sottolineatura di fecondità e come reggiseno naturale.

idolo cicladico a forma di violino, bronzo

idolo cicladico a forma di violino, bronzo

idolo cicladico a forma di violino, marmo

idolo cicladico a forma di violino, marmo

idolo cicladico a forma di violino, bronzo

idolo cicladico a forma di violino, bronzo

Figure stilizzate femminili le troviamo in tutto il Mediterraneo e nel medio-oriente.

idolo a forma di violino, Camaro (Messina)

idolo a forma di violino, Camaro (Messina)

Simile ma un po’ più spigolosa la Dea madre nuragica.

Dea madre nuragica

Dea madre nuragica

Idolo femminile, Alaca Höyük (TR

Idolo femminile, Alaca Höyük (Turchia)

In arte contemporanea, nella scoperta e nel ripensamento dell’arte antica e delle culture altre e lontane, questi simboli sono tornati prepotentemente. Magari il senso è leggermente più polemico e “disturbatore”, ma è stato importante per riappropriarsi di una parte dell’umanità offuscata dalla storia: il corpo delle donne.

Si tratta solo di un recupero fisico non certamente di ruolo o d’importanza, ma intenso e fondante. Strano a dirsi ma il  recupero del femminino primordiale è partito dagli uomini, non dalle donne. Le donne hanno prima dovuto fare un lavoro su se stese per capire prima di uscire allo scoperto.

Pensiamo a Le violon d’Ingres di Man Ray, che nonostante non sia una scultura e sebbene un cedimento erotico è la raffigurazione dell’idolo cicladico nella sua sincronia con lo strumento musicale. La differenza più importante sta nell’aver raffigurato il lato B.

Man_Ray_le_violon_d'_Ingres

Man Ray, Le violon d’Ingres,

Sfortunatamente abbiamo attraversato molti secoli bui in cui la donna era considerata in modo minoritario e il suo corpo in quanto generatore di vita, è stato nascosto e derelitto. Dal potere derivato da dare la vita alla vergogna dell’ingravidamento passivo.

Sempre di schiena i violoncelli seguenti, un po’ fine a se stessi direi.

Michel Tancelin, violons

Michel Tancelin, violons

La sorpresa delle sorprese: il corpo della donna è nascosto e racchiuso da una forma di violino! Arman che mattacchione! A me fa un po’ impressione però questa scatola e mi ricorda la Vergine di Norimberga!

Arman, Sculpture Occultée

Arman, Sculpture Occultée

Magari meno astratto Jean Arp, ma in modo simile all’arte preistorica sintetico nella struttura del corpo femminile.

Jean Arp, Torso fruit, 1960

Jean Arp, Torso fruit, 1960

L’idoletto cicladico ritorna più attualmente come merchandising nella collana seguente, ma come pura forma, completamente astratto dalla sua simbologia.

pendente a forma di idolo cicladico a violino

pendente a forma di idolo cicladico a violino

Per visionare le collezioni di arte cicladica del museo di Atene cliccate il link seguente:

http://www.cycladic.gr/frontoffice/portal.asp?cpage=NODE&cnode=2&clang=1

Informazioni su art4arte

mi piace scoprire, studiare, scrivere di arte, sull'arte, per l'arte... Vedi tutti gli articoli di art4arte

6 responses to “Le violon et la guitare:il corpo della donna in sintesi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: